PROSSIMAMENTE

PROSSIMAMENTE

K-CINEMA



Cannes 2019. La Palma d’Oro a quel genio di Bong Joo-ho rappresenta, più che meritatamente, la punta dell’iceberg, ma il cinema sudcoreano vive ormai già da vent'anni una seconda e poderosa giovinezza. 
Vent'anni che il Far East Film Festival di Udine ha sempre documentato con amore – opere di Bong incluse – edizione dopo edizione, distillandoli oggi in una brillante monografia.
Quattro titoli per quattro generi.
Quattro titoli che fanno capire meglio il trionfo di Parasite
di Bong Joo-ho, così giusto e anche così necessario, agli spettatori che non frequentano abitualmente Il fascino (in)discreto della Corea del Sud.
Quattro diverse punte dell’iceberg, insomma, a testimoniare il meglio delle produzioni recenti e l’incredibile ricchezza creativa di un’industria che ha raggiunto il quinto posto del box office mondiale. Cinema popolare di enorme qualità: suona come un ossimoro, per noi occidentali, e invece è semplicemente Corea del Sud!

MER 28 AGO
LITTLE FOREST
di YIM Soon-rye


MER 4 SET
A TAXI DRIVER
di JANG Hun


MER 18 SET
THE GANGSTER, THE COP, THE DEVIL
di LEE Won-tae


MER 25 SET
BURNING L’AMORE BRUCIA
di LEE Chang-dong


SPETTACOLO UNICO ORE 21.00
BIGLIETTO UNICO 6,00 EURO